La Sitemap xml, detta anche mappa del sito, è un elenco di tutte le URL del tuo sito web in formato, appunto, XML (nota anche come Sitemap di Google perché è stata introdotta in principio da Google). Rappresenta l’indice di tutte le pagine che s’intende inviare ai motori di ricerca affinché siano indicizzate.

Cos’è una Sitemap xml

La Sitemap ti consente di includere ulteriori informazioni specifiche in chiave SEO su ciascuna URL, come:

  • La data dell’ultimo aggiornamento
  • La frequenza di cambiamento
  • La priority (priorità dell’URL rispetto alle altre pagine del sito).

Il formato XML garantisce che queste informazioni possono essere facilmente elaborate su diversi tipi di computer, applicazioni e sistemi, quindi i motori di ricerca (Google, Yahoo, Bing, Yandex ecc.) Non avranno problemi con la comprensione dei file della tua Sitemap.

Maggiori approfondimenti rimando alle linee guida di Google (https://support.google.com/webmasters/answer/156184?hl=it).

Esempio di Sitemap xml:

<?xml version=”1.0″ encoding=”UTF-8″?>
<urlset xmlns=”http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9″>
<url>
<loc>http://www.example.com/</loc>
<lastmod>2017-11-09</lastmod>
<changefreq>monthly</changefreq>
<priority>0.8</priority>
</url>
<url>
<loc>http://www.example.com/about.htm</loc>
<changefreq>daily</changefreq>
</url>
</urlset>

L’esempio mostrato nella Sitemap contiene 2 URL e tutti i tag opzionali: <lastmod>, <changefreq> e <priority>.

Ci sono due limiti imposti da Google: un singolo file di sitemap XML può contenere non più di 50.000 URL, e non può essere superiore a dieci megabyte. Se si dovesse superare le 50.000 Url si devono generare più sitemap e una sitemapindex che le comprenda tutte.

Perché hai bisogno di una mappa del sito?

Perché consente di informare i motori di ricerca sulle pagine più importanti del tuo sito web. Inoltre, la Sitemap xml, fornisce informazioni aggiuntive ai motori di ricerca, eseguendo la scansione delle pagine del sito stesso favorendone il posizionamento sui motori di ricerca.

La Sitemap XML sono particolarmente utili se:

  1. Hai un sito web nuovo di zecca
  2. Il tuo sito web ha contenuti dinamici generati da CMS (Joomla, WordPress, Drupal, DotNetNuke, ecc)
  3. Il tuo sito web ha una navigazione complessa
  4. Il tuo sito ha un contenuto dinamico

NOTA: La Sitemap non garantisce che le pagine web siano indicizzate e incluse nei motori di ricerca al 100%, né influenza il posizionamento nei risultati di ricerca.

Come creare una Sitemap xml?

Esistono svariati modi per creare una Sitemap per il proprio sito web, ne elencherò alcuni:

Generatori Sitemap online

Di seguito alcuni tool online per la creazione della Sitemap in modo semplice e automatico.

Nota per coloro che utilizzano sul proprio sito un CMS WordPress: per generare una Sitemap, c’è la possibilità di utilizzare un plug-in chiamato “Google XML Sitemap“. Se nel generarla vi dovesse dare un errore, bisognerà controllare che siano stati assegnati i permessi di scrittura alla cartella contenente il plugin, poiché non potrà funzionare senza quest’ultimi. In questo caso bisogna accedere al proprio server FTP, e modificare personalmente o tramite un editor, o tramite programmi come FileZilla i permessi.

Un interessante video su come generare una mappa del sito con il generatore XML-Sitemaps.com, spiegato in modo semplice e preciso da Seocenter.it.

Creazione manuale di una Sitemap per Google

È inoltre possibile creare manualmente una Sitemap.

1. Creare un file di testo e salvarlo con un’estensione .xml (ad es. Sitemap.xml)

2. Le prime righe del file:

<? xml version = “1.0” encoding = “UTF-8”?>
<urlset xmlns = “http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9”>

3. Creare una voce per ogni URL. Il  tag <loc> è richiesto, gli altri sono facoltativi.

<url>
<loc> http://www.example.com/ </ loc>
<lastmod> 2017-11-09 </ lastmod>
<changefreq> mensile </ changefreq>
<priorità> 0.8 </ priority>
</ url>

4. Ultima riga del file:

</ Urlset>

5. Caricare il file sul tuo server e poi invialo ai motori di ricerca.

Attributi Sitemap.xml

<Loc>ObbligatorioFornire l’URL completo della pagina, incluso il protocollo (ad esempio http, https). Questo valore deve essere inferiore a 2048 caratteri.
<Lastmod>FacoltativoFornire la data in cui il file è stato modificato l’ultima volta, in formato YYYY-MM-DD.
<Changefreq>FacoltativoValori possibili includono: orari, quotidiani, settimanali, mensili, annuali e mai. Questo viene utilizzato solo come guida per i crawler e non viene utilizzato per determinare la frequenza d’indicizzazione delle pagine.
<Priorità>FacoltativoConsente ai webmaster di suggerire ai crawler dei motori di ricerca quali pagine sono considerate più importanti. La gamma valida è da 0,0 a 1,0 (più alto). Il valore predefinito è 0.5.Valutazione di tutte le pagine di un sito con priorità elevata non influisce sugli elenchi dei motori di ricerca.

Linee guida e limitazioni:

  • L’URL Sitemap può contenere solo caratteri ASCII.
  • Le Sitemap possono essere compresse utilizzando gzip.
  • Una Sitemap può contenere un elenco di Sitemap (un file di indice di Sitemap che serve come punto di accesso per non più di 50.000 sitemaps).

Creazione Sitemap WordPress con il Plug-in Yoast SEO

Dopo aver istallato il plag-in Yoast SEO, procedere in questo modo:

  • Accedi al tuo sito web di WordPress. Quando sei connesso, sarai nella tua Dashboard. Sul lato sinistro vedrete un menu. In quel menu, fare clic su “SEO”.
  • Le impostazioni ‘SEO’ si espanderanno offrendo ulteriori opzioni. Se non vedi l’impostazione ‘Sitemap XML’ nel menu ‘SEO’, abiliti per prima le impostazioni avanzate.

yoast seo sitemapAttiva l’interruttore su ‘Abilitato’.

Yoast

  • Lo schermo si espande automaticamente con opzioni aggiuntive per le Sitemap. Personalizza la tua Sitemap utilizzando le schede appena visualizzate.
  • Fai clic su “Salva modifiche” per attivare le Sitemap XML.
  • Visualizzare la nuova Sitemap XML facendo clic sul pulsante “Sitemap XML”.

Come rendere disponibile la sitemap ai motori di ricerca

Innanzitutto prima di aggiungere la nostra mappa del sito ai motori di ricerca, dobbiamo posizionare la Sitemap all’interno del nostro sito web. Il consiglio è di posizionarla nella directory principale del server e non in un’area interna del sito. Avremo così questo file al seguente URL: www.miosito.it/sitemap.xml. Fatto ciò, adesso bisogna informare gli spider della sua presenza. Il modo migliore è senza dubbio utilizzando gli strumenti messi a disposizione dai motori di ricerca.

Nel caso di Google utilizziamo la Google Search Console:

  1. accedere nella Proprietà del nostro sito
  2. andare al menu Scansione > Sitemap
  3. cliccare su Aggiungi/Testa sitemap
  4. inserire il percorso alla URL della sitemap xml

Inserirla nel motore di ricerca bing:

  1. Accedere a Bing Webmaster
  2. Configura sito > Sitemap
  3. Inserire l’indirizzo della mappa e inviare

Un altro metodo è di inserire l’URL del file Sitemap.xml all’interno del file Robots.txt. In questo modo lo spider che legge sempre il file Robots per ricavare le informazioni su cosa può e non può fare sul sito, troverà facilmente questa informazione.

Come verificare la presenza di errori della Sitemap

Utilizzando gli strumenti online che ho scritto di seguito, si potrà verificare la correttezza della sitemap xml generata dai tool o creata manualmente.

Grazie per la lettura. 🙂

Summary
Come creare una Sitemap xml per i motori di ricerca
Article Name
Come creare una Sitemap xml per i motori di ricerca
Description
La Sitemap xml, detta anche mappa del sito, è un elenco di tutte le URL del tuo sito web in un formato, appunto, XML.
Author

Commenta

commenta