Se sei un consulente SEO o uno sviluppatore web (o se stai cercando di costruire un sito web per la tua attività), probabilmente hai sentito parlare di siti web monopagina o onepage site.

In poche parole, questi siti web sono costituiti da una sola pagina HTML e tutte le sezioni necessarie del sito si trovano in questa stessa pagina.

Come tutti gli altri siti web hanno in genere una barra del menu. Tuttavia, invece di caricare nuovi contenuti in nuove pagine, questo menu scorre semplicemente verso l’alto o verso il basso, facendo navigare l’utente in una particolare sezione dei contenuti.

I siti onepage sono diventati, negli ultimi anni, molto popolari. Sempre più aziende li scelgono rispetto a elaborati siti multi-pagina per soddisfare le esigenze delle loro attività.

A questo punto arriviamo alla domanda cruciale:

Un sito web onepage potrebbe danneggiare le tue possibilità di posizionamento sui motori di ricerca?

La risposta è sì.

La SEO è l’ottimizzazione strutturale di un sito web, dove il più delle volte bisogna ragionare sulle tassonomie, link interni, sviluppo di contenuti rilevanti per un certo argomento ecc. Partendo da questo ragionamento base, con un monopagina non sarai in grado di far arrivare molto traffico di ricerca organica verso il tuo sito.

Semplicemente perché non hai abbastanza contenuto da indirizzare una vasta gamma di parole chiave e argomenti.

Inoltre, per sua natura il sito onepage è destrutturato e quindi gran parte della SEO come noi la conosciamo non verrebbe applicata come dovrebbe. Petanto, se pensi che Google sia la fonte principale di nuovi clienti per il tuo business, un sito web onepage potrebbe essere un errore. Devi cambiarlo in un sito più grande, di più pagine.

Tuttavia, aziende diverse, esigenze diverse. Nel determinare se il sito deve essere singolo o multi-pagina, è necessario considerare gli obiettivi della tua attività e quello che stai cercando di realizzare con il tuo sito web.

Dovresti anche prendere in considerazione i tuoi clienti e il tuo pubblico di destinazione e decidere quale sito fornirà loro un’esperienza web soddisfacente.

Se al contrario la ricerca organica di Google non è una priorità principale per la tua azienda e la mancanza di posizionamento delle parole chiave non rappresenta un problema ma, il tuo obiettivo SEO è semplicemente individuabile solo quando la gente cerca il tuo brand (più alcune parole chiave più importanti), un sito monopagina potrebbe essere una buona strategia.

Un interessante video di Francesco Margherita di seogarden.net sull’ottimizzazione dei siti monopagina che condivido appieno.

Fattori SEO per chi investe in un sito monopagina

Ho elencato alcuni benefici che riguardano il sito ad una sola pagina:

  • I siti di una pagina forniscono in genere un’esperienza mobile migliore

Non è un segreto che la maggior parte delle persone che eseguono ricerche web le stanno facendo da un dispositivo mobile, il che è uno dei vantaggi di avere un sito web di una pagina.

Si adattano facilmente al mobile perché il loro design resterà in gran parte lo stesso (non esiste una struttura di navigazione complicata per il mobile). Inoltre, la maggior parte dei template onepage è responsive, e generalmente restano grandi su smartphone e tablet come su un computer desktop.

Inoltre, il caricamento è molto più veloce dei siti di più pagine, un enorme beneficio per la maggior parte degli utenti che non hanno la pazienza di attendere più di alcuni secondi per il caricamento del sito.

Oltre a ciò, alcune persone hanno difficoltà a cliccare su pagine o schede su un piccolo dispositivo, ad esempio uno smartphone, e quindi avere un sito onpage è una comodità per coloro che hanno le dita non troppo sottili.

  • I siti web di una pagina sono più economici e più veloci da creare.

Con numerosi generatori dinamici e molteplici fornitori di template là fuori, la creazione di un sito onepage è diventato molto facile. E anche se lo delegate a un’agenzia, la costruzione di un sito del genere sarà anche considerevolmente più conveniente.

  • I siti web di una pagina hanno un potenziale tasso di conversione più elevato.

Con un sito web a una pagina, la navigazione diventa più semplice. Poiché tutte le fasi del tuo funnel di conversione sono assemblate in un unico luogo, in una sola pagina, il processo di conversione è più veloce.

Non suona niente male, eh? Tuttavia se tu o i tuoi clienti decidete di optare per un sito del genere, ecco cosa devi sapere su come ottimizzarlo per i motori di ricerca.

Come posizionare un sito onepage sui motori di ricerca

  • Pianificazione e mappatura delle parole chiave

Se sei un consulente o conosci la SEO tradizionale da un po’ di tempo, non c’è bisogno di spiegare quanto sia importante ricercare e mappare le tue parole chiave quando parliamo di sito web di più pagine.

Pensi che non ci sia nulla da ricercare per un sito onepage? Pensaci due volte. Se vuoi ottenere tutto il traffico SEO che puoi, devi:

– Ricercare le tue parole chiave ancora più approfonditamente.

Con un sito web monopagina, non c’è quasi alcuna possibilità che ricevi traffico di ricerca occasionale da parole chiave a coda lunga. E non sarai in grado di integrare tutte le parole chiave pertinenti nei tuoi contenuti limitati. Devi scegliere e cercare le migliori parole chiave, poiché non potrai utilizzare tutte le parole che desideri. Ciò significa fare scelte difficili su cosa lasciare fuori.

– Le parole chiave devono essere correlate all’argomento principale

Non è un segreto che nell’era di RankBrain e nella ricerca semantica, SEO non si riferisce alle parole chiave, ma alla pertinenza. Più rilevante sarà la tua pagina per gli argomenti trattati, più probabilità c’è che riesca a posizionarsi più in alto nelle ricerche di Google.

Con un sito web multi-pagine, dividete semplicemente i gruppi di parole chiave tra le pagine – il lusso che non hai con un onepage. Tuttavia, ciò che puoi fare è creare delle sezioni di contenuto chiare e distinte, ognuna con uno scopo specifico e ognuna rilevante per un determinato gruppo semantico delle tue parole chiave.

  • Strutturare e ottimizzare i tuoi contenuti

Ora che hai definito un insieme adatto di parole chiave per ogni sezione del tuo sito, dobbiamo distinguere queste sezioni per i crawler e ottimizzarli.

– Separare le sezioni di contenuto con <div>.

Il modo migliore per dividere e classificare ogni sezione in un sito di una pagina è di avvolgere ciascuno di essi in un separato <div>.

– Creare un tag H1 per ciascuna delle sezioni.

Sorprendente? Difatti. Normalmente si consiglia di utilizzare solo un tag H1 in ogni pagina del tuo sito web.

Tuttavia, in caso di un onepage cerchiamo di imitare una serie di pagine all’interno di un documento HTML. Di fatto, un certo numero di tag H1 può indicare una separazione nel contenuto.

In questo caso anche H1 multipli rappresenta un’opportunità per l’ottimizzazione delle parole chiave. Tuttavia, non utilizzare più di un tag H1 per sezione.

-Ottimizza ogni sezione per le sue parole chiave.

Ora, torni al gruppo di parole chiave che hai definito per ciascuna delle sezioni dei tuoi contenuti. Assicurati di includere le parole chiave nel tag H1, nel tag image alt, nel contenuto stesso e nel tuo ID <div>.

  • Impostazione dei collegamenti di ancoraggio

I collegamenti di ancoraggio sono i collegamenti che ti portano in un luogo specifico all’interno di una pagina web. Nel caso di un sito web a una pagina, sono i principali elementi di navigazione che inviano gli utenti a questa o quella sezione del tuo contenuto.

E poiché sappiamo che Google li tiene conto durante la scansione di siti web, dobbiamo utilizzare quest’opportunità per l’ottimizzazione delle parole chiave.

A tal fine, è necessario impostare semplicemente i link di ancoraggio per inviare gli utenti agli ID <div> ottimizzati per le parole chiave:

  • ID idoneo per le parole chiave <div> di una delle sezioni del tuo contenuto:

<div id = “fiori-consegna-servizi”>

  • Il link di ancoraggio nel menu di navigazione superiore, che invia gli utenti a una specifica sezione di contenuti sarà ad       esempio, ciclamino, che è una parola chiave del sito internet:

<a href=”#fiori-consegna-servizi”> Fiori + Consegna + Servizi </a>

Tuttavia tieni presente che oltre a essere ricchi di parole chiave, i collegamenti di ancoraggio devono avere un senso nel contesto complessivo del tuo sito, affinché i tuoi utenti non si confondano con la navigazione.

 

  • Ottimizzazione della velocità della pagina

Ora che tutti i tuoi contenuti e risorse si trovano all’interno di una pagina, potrebbe diventare abbastanza grande e lenta da caricare. Ecco perché dovrai assicurarvi che il tuo sito utilizza bene l’effetto “lazy Load”.

“Lazy load” (carico pigro) significa che le nuove sezioni di contenuto vengono caricate dinamicamente quando l’utente scorre o naviga verso esse. Così sarà caricato solo il contenuto visualizzato nel browser dell’utente in quel momento. Ciò offre una migliore esperienza utente (in particolare sui dispositivi mobili con larghezza di banda limitata).

Per approfondimenti [https://www.salvatoremarigliano.it/test-velocita-sito/]

Assicurati inoltre di utilizzare tutte le altre opzioni disponibili per ridurre il tempo di caricamento della pagina.

Esempi di sito onpage :

http://appleplugs.com/

Plug onepage site

Plug onepage site

https://www.plasticsunlimited.com/

Plastics dito monopagina

Plastics dito monopagina

Generatori per creare siti onepage in pochi minuti:

www.imcreator.com/

IMcreator.com

IMcreator.com

https://www.strikingly.com

Strikingly.com

Strikingly.com

https://it.wix.com/

Wix.com

Wix.com

Grazie per la lettura.

 

PER CHIEDERMI MAGGIORI INFORMAZIONI 🙂.

 

 

Summary
Sito onepage: come posizionarlo nei motori di ricerca
Article Name
Sito onepage: come posizionarlo nei motori di ricerca
Description
Come posizionare un sito onepage (monopagina) nei motori di ricerca? Quali sono le criticità da tenere in considerazione per fare un buon lavoro.
Author

Commenta

commenta