Fattori rilevanti per un buon posizionamento SEO (guida)

ottimizzazione per motori di ricerca

Innanzitutto spieghiamo cos’è la SEO: è l’acronimo di Search Engine Optimization. La SEO è un insieme di diverse pratiche volte all’obiettivo finale di ottimizzare un sito internet, in modo da essere rilevante ai motori di ricerca per le chiavi inserite dagli utenti per quello specifico argomento.

Prima di entrare nel merito dei fattori rilevanti per essere primi su Google, spieghiamo cos’è e come funziona big G.

Come funziona Google

Il motore di ricerca più famoso al mondo, appunto Google, al suo interno è costituito da spider(software) che scansionano ogni giorno miliardi di siti web, e in base a complessi algoritmi li ordina in contenuti, cosicché se un utente imposta una ricerca, chiamata keyword, il motore restituirà i contenuti più rilevanti per quella stessa chiave.

Per approfondimenti rimando al sito di Google dentro la ricerca.

Chiaramente non sappiamo quali siano i fattori più importanti che Google utilizzi per creare questo indice di importanza dei contenuti, ma sappiamo che uno dei fattori di grande interesse che l’azienda di Mountain View tiene notevolmente in considerazione sono i contenuti di qualità.

La frase ormai passata alla storia del genio Bill Gates: “Content is the king” la dice lunga sull’importanza che un contenuto di qualità possa avere all’interno di un sito web. Chiaramente non è l’unico aspetto, magari, ci sono invece più di 200 fattori rilevanti che danno vita ad un buon posizionamento da parte del motore di ricerca.

Naturalmente non bisogna conoscere tutti questi elementi esistenti per avere buona considerazione, ma principalmente facendo leva su alcune componenti chiave.

Ecco che il lavoro di un bravo consulente SEO è quello di cercare di trovare parte di quei fattori rilevanti, considerevoli, di cui parlavamo precedentemente, insieme a tecniche e strategie legate all’ottimizzazione, così da avere il miglior posizionamento sulla SERP (pagina dei risultati di Google).

I fattori principali da considerare sono i seguenti:

  • Elementi on-site/ on-page
  • Link building
  • Social

Fattori on-site/on-page

indagine moz

fonte by: posizionamentomotoridiricerca.it

Secondo un indagine di Moz, il fattore on-site influisce sul posizionamento circa per il 44%, per il 42% fattore link building e il restante 14% per i fattori Social.

Potete consultare la ricerca al sito: moz.com/search-ranking-factors.

Da questi dati comprendiamo che il grosso del lavoro di un SEO viene fatto all’interno delle pagine, e del sito stesso, tenendo in considerazione tre componenti:

  • Architettura del sito
  • Bounce rate (aumento della permanenza all’interno del sito)
  • Authority

 

Architettura sito web

Un sito web deve basarsi su un architettura solida per meritarsi nel tempo un buon posizionamento, per questo motivo deve essere progettato in modo accurato, non solo per una migliore navigabilità degli utenti, ma anche,per i motori di ricerca che scansionano il sito.

Creare un buon menù di navigazione è il primo passo e deve essere sostanzialmente:

  • Intuitivo
  • Funzionale
  • Completo

struttura sitoe web

struttura sito web foto by: wppratico.it

Nella figura una corretta struttura di navigazione. Il sito deve essere facilmente navigabile dagli utenti, in modo che possano trovare rapidamente le informazioni desiderate senza perdita di tempo, deve essere fruibile sia da desktop che da smartphone e non meno importante cercare di creare un interfaccia gradevole in modo che gli utenti siano invogliati a visitare il sito più volte nel tempo.

SEO e bounce rate(frequenza di rimbalzo)

frequenza di rimbalzo

frequenza di rimbalzo

Il tempo di permanenza degli utenti sul nostro sito è un fattori fondamentale, semplicemente perché se un potenziale cliente visita il nostro sito e dopo due secondi esce, evidentemente il contenuto delle pagine e del sito è poco interessante.

La frequenza di rimbalzo così chiamata dall’inglese appunto bounce rate, viene calcolato in percentuale, più alto è, più gli utenti si soffermano meno nel sito.

Una giusta frequenza di rimbalzo in media dovrebbe essere meno del 50%. Naturalmente come dicevo prima è una dei fattori che Google prende in considerazione, ma è anche vero che bisogna considerare caso per caso.

Ad esempio se ho un sito vetrina (non a scopi commerciali o comunicativi immediati) e naturale che la frequenza sia molto elevata, differente se avessi un e-commerce, un bounce rate alto significherebbe che dovrei riguardare un po di cose all’interno del sito.

Authority

Ogni motore di ricerca assegna un punteggio ad ogni pagina del tuo sito. Di solito la pagina con authority maggiore e la home page, e più si scende dalla home, e ci si inoltra all’interno del sito, più l’authority diminuisce.

Come si fa ad aumentare l’authority?

Più il nostro sito viene linkato da altri siti, più la nostra autorithy aumenta. Importante precisare che i siti che ci mettono un link, più sono autorevoli e più autorità ci trasmettono,

L’autorità è un fattore fondamentale nella SEO per salire nelle pagine dei motori di ricerca, infatti è strettamente collegata al fattore link building.

Link Building (come rendere popolare un sito web)

link building

Link building

La link building in italiano creazione di link  è la parte più difficile di tutto ciò che riguarda l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

In poche parole non è altro che l’attuare di tecniche e strategie per fare in modo che altri siti linkano il nostro sito o pagine web. Cioè ci occupiamo personalmente di costruire questi link.

Uno degli aspetti più difficili e proprio quello di non commettere errori, perché, non solo si rischia di ottenere pochi risultati, ma cosa più grave si può far arrabbiare Google che ci penalizzerebbe facendoci scendere in modo sostanziale (dipendentemente dal tipo di penalizzazione) nelle pagine del motore di ricerca.

 

Bisogna considerare due aspetti fondamentali per scegliere un sito per fare link building:

  • Autorità
  • Rilevanza

Autorità

Più link riceve una pagina web è più sale nelle SERP e questi link più sono autorevoli più la nostra pagina avrà valore agli occhi di Google.

Deve essere all’interno della pagina e non nel footer o sidebar del sito ospitante. l’authority ha un punteggio che va da 0 a 100, possiamo stimarlo grazie ad uno strumento che è molto valido di MOZ, “barra di Moz”, un estensione gratuità di Chrome o Firefox, si può scaricare a questo link, quando attivata la barra Moz, ci dirà appunto l’autorità del sito che stiamo visitando.

PA: page authority  DA: domain authority.

barra di moz

Barra di moz

Rilevanza

Per fare una buona link building non solo il sito deve essere autoritario, quindi avere un punteggio alto, ma deve essere rilevante per il nostro business.

Se per esempio vendiamo biscotti e ricevo un link da un sito con punteggio di autorità alto che parla di borse, chiaramente Google valuta non rilevante quel link e il passaggio di autorità sarà scarso, mentre invece se il nostro sito viene linkato da una pagina che fa biscotti artigianali, il link sarà rilevante al 100% e il passaggio di autorità sarà importante e molto rilevante.

Come fare link building?

Ci sono varie tecniche per fare beklink, le più utilizzate sono:

  • Guest post
  • Broken link
  • Directory

Guest post

IL guest post è un articolo tuo che viene pubblicato su un sito non tuo, chiaramente al suo interno conterrà un link al tuo sito web o pagina.

Molti accettano guest post a patto che il contenuto sia di qualità, che porti valore alle persone.

Diffida dai siti che accettano qualsiasi guest post, di solito hanno un valore authority molto basso oppure non sono rilevanti per il tema del sito web che tratti.

I siti web che accettano guest post si possono trovare facendo ricerca su Google, dopodiché si contatta il webmaster e gli si chiedi se è possibile scrivere un articolo sul suo blog/sito.

Broken link

Semplicemente il broken link è un link che non funziona (che non porta da nessuna parte, non più esistente, chiamato anche errore 404) presente in una pagina di un sito web.

Bisogna procedere in questo modo:

  1. Si ricercano siti a tema con il nostro, che abbiano al loro interno possibilmente liste di risorse
  2. Si scarica il programma screaming frog e si incolla l’url del sito che abbiamo cercato precedentemente, il software farà una scansione del sito per rintracciare link rotti.
  3. Una volta trovato il link, si contattare il webmaster per farglielo presente
  4. Nella email successiva si chiede al webmaster se può inserire anche un link al tuo sito web.

Directory

Sono siti web che contengono link di altri siti web, possono essere considerati come dei grandi indici. Al suo interno si trovano siti raggruppati per categoria e che trattano il medesimo argomento.

Si trovano facendo ricerca su Google, una delle più famose e quella di dmoz.org.

Diffida dalle directory automatiche, sono di solito di bassa qualità, potrebbero far penalizzare il tuo sito, preferisci quelle manuali.

Fattore social

Social media

Social media

I social media non possono essere ignorati, anche perché miliardi di persone ogni giorno si connettono ai social come Facebook, Twitter, LinkedIn, Google+ e molti altri, e da essi possiamo attrarre del gran pubblico, farci conoscere e costruire una reputazione che col tempo ci porterà dei grossi benefici.

I social influiscono sulla SEO?

E’ un dibattito che va avanti da parecchio tempo tra gli esperti SEO. Chi dice che influiscono ma in modo indiretto, che un articolo postato su un social, se di qualità, riceverà molti like, molti link, così da  aumentare il  ranking.

Invece c’è chi pensa che i segnali social non influenzano per niente il fattore ranking.

Personalmente penso che I social siano uno strumento da utilizzare per farsi conoscere e far conoscere i nostri articoli visto l’uso che gli utenti ne fanno giornalmente, e vero anche che un buon articolo viene linkato da molti utenti creando un massiccia condivisione così da generare molteplici link alla nostra pagina web. Google non ignora questi comportamenti degli utenti.

Comunque sia essere presenti sui maggiori social per postare articoli,servizi, prodotti della nostra azienda può solo essere positivo,  anche solo per creare una reputazione che nel tempo ci porterà grossi risultati in termini di traffico.

Rimando a questo esaustivo articolo di webinfermento.it dove fa un analisi insieme ad esperti SEO sull’incidenza che hanno i social lato SEO.

Come essere primi su google?

Non esiste la ricetta magica!

In questo articolo sono esposti, per me, i maggiori fattori da prendere in considerazione per iniziare una buona campagna SEO, naturalmente gli aspetti da considerare sono molteplici e diversi da progetto a progetto.

L’ottimizzazione oggi è diventato una pratica fondamentale per essere visibili su Google e generare traffico al proprio sito web.

Diffidate da chi vi garantisce un posizionamento in prima pagina e in poco tempo, è un venditore di fumose per qualcuno funziona non è detto che funzioni per tutti, avvolte c’è bisogno di tempo, altre volte di molte risorse economiche,

Spero che questo articolo sia stato esaustivo, e che abbia spiegato in linea generale come creare una base per una buona ottimizzazione su un sito web.

Se vuoi informazioni ulteriori, presentarmi il tuo progetto e per fare quattro chiacchiere, non esitare, contattami, per una consulenza senza impegno.

A presto!

3 + 11 =

Share This